Minieolico, ecco i nuovi generatori a basso impatto ambientale

lunedì, 14 maggio 2012

Massimo Trebbi.
di Massimo Trebbi
minieolico-fai-da-te-nuovi-generatori-a-basso-impatto-ambientale
Generatori mini eolico a basso impatto ambientale

L’energia eolica sta diventando una risorsa energetica protagonista in tutto il mondo contribuendo, ad oggi, a soddisfare oltre il 3% dei fabbisogni di energia elettrica con una potenza installata di circa 240GW, pari ad alcune centinaia di centrali nucleari di medie dimensioni. Assimilando questa potenza in un unico generatore eolico questo avrebbe un diametro di 70 km.

Stati Uniti e Cina primeggiano per potenza installata, ma i più virtuosi sono gli europei che con l’eolico coprono parte del fabbisogno elettrico nazionale: in testa alla graduatoria troviamo Spagna e Danimarca con il 20%, seguite da Italia e Germania con il 10%. Tali valori sono destinati a crescere rapidamente e, continuando con l’attuale trend, da qui al 2020, la potenza eolica installata quadruplicherà.

NOVITA’: La nuova lampadina Philips salverà il pianeta?

La diffusione dell’energia eolica è stato sinora caratterizzata dai grandi parchi eolici connessi alla rete elettrica. Gli impianti, costituiti spesso da più torri eoliche con MegaWatt di potenza, occupano vaste aree caratterizzate da venti intensi e costanti.

I parchi eolici a terra rappresentano l’investimento economico più conveniente con costi dell’energia prodotta compresi tra 5 e 9 centesimi al kWh; seguono quelli off-shore, installati nel mare, che pur beneficiando di condizioni di ventosità migliori, comportano costi d’impianto più elevati e portano il costo dell’energia prodotta tra 18 e 20 centesimi al kWh.

Da alcuni anni, tuttavia, accanto ai giganti del vento si stanno affermando anche le turbine eoliche di piccola e media taglia – nel mondo se ne contano circa 500mila – il cosiddetto minieolico. Il costo dell’energia prodotta dal minieolico, compreso tra 15 e 20 centesimi al kWh, risulta comunque competitivo ma la sua fortuna e prospettiva di crescita è legata a molti altri fattori.

Per tante regioni del Pianeta, specie nei paesi in via di sviluppo, il minieolico rappresenta l’unica soluzione conveniente per l’approvvigionamento di energia elettrica. Le applicazioni off-grid possono riguardare anche luoghi remoti, illuminazione stradale, basi per le stazioni di comunicazione, acquacoltura in mare aperto, etc.

DA NON PERDERE: Energia da fonti rinnovabili, i vantaggi del micro-idroelettrico

Con l’evoluzione dell’energia elettrica da centralizzata a distribuita, i sistemi eolici di piccola taglia stanno assumendo un ruolo sempre più importante anche nelle applicazioni on-grid. Con il supporto della tecnologia smart grid, le turbine eoliche di piccole dimensioni possono ora essere collegate alla rete elettrica dal consumatore finale e contribuire alla stabilizzazione dell’alimentazione di rete.

I piccoli generatori eolici risultano una soluzione ideale come impianti per la casa, per piccoli borghi o per installazioni nelle aree industriali ed aziende agricole di piccole e medie dimensioni. Il minore impatto ambientale, dovuto alle dimensioni più contenute, e soluzioni come le turbine ad asse verticale, adatte ad aree con venti variabili, sono un grande potenziale che attende ancora di essere sfruttato.

fonte immagine | minieolico-news.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>